Riferimenti normativi

Nell’elaborazione di questa Carta si sono tenuti in considerazione i principi enunciati
nelle seguenti disposizioni di legge della Repubblica Italiana:

– 1994. Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio: “Principi
sull’erogazione dei servizi pubblici”;
– 1994. Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri dell’11 ottobre: “Principi
per l’istituzione ed il funzionamento degli uffici per le relazioni con il
pubblico”;
– 1999. Decreto legislativo n. 286, art. 11;
– 2000. Legge Regionale n. 18: “Norme in materia di biblioteche, archivi storici,
musei e beni culturali”;
– 2000. Legge n. 328: “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato
dei servizi sociali” prevede che ciascun ente erogatore di Servizi adotti una
Carta dei Servizi dandone adeguata pubblicità agli utenti;
– 2000. Legge n. 150 del 7 giugno relativa alla disciplina delle attività di informazione
e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni;
– 2004. Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, approvato con Decreto legislativo
del 22 gennaio, n. 42;
– 2008. Legge Finanziaria. L’art. 2, comma 461 prevede l’obbligo per i soggetti
gestori di servizi pubblici di introdurre la carta della qualità dei servizi per
la definizione degli standard di qualità e di quantità relativi alle prestazioni
erogate, al fine di tutelare i diritti dei consumatori e degli utenti dei servizi
pubblici locali e di garantire la qualità, l’universalità e l’economicità delle
relative prestazioni.

Questa voce è stata pubblicata in La Carta dei Servizi. Contrassegna il permalink.