Maria Teresa: da Aquileia a Gorizia

Maria Teresa d'Austria

Maria Teresa d’Austria

La Biblioteca, in collaborazione con il Centro per le Tradizioni Popolari di Borgo San Rocco, ha organizzato un’iniziativa culturale nel 300mo anniversario dalla nascita dell’Imperatrice Maria Teresa d’Asburgo.

Martedì 16 maggio 2017 alle ore 16.30, presso le sale della Biblioteca del Seminario Teologico Centrale in via del Seminario 7, sarà inaugurata la mostra “Maria Teresa: da Aquileja a Gorizia” che presenterà i codici medioevali aquileiesi appartenti alla Biblioteca e le patenti imperiali con le firme autografe dell’Imperatrice, contestualmente all’iniziativa “un pomeriggio in biblioteca” con interventi di Isabella Sgoifo, responsabile della Biblioteca, e di Vanni Feresin, paleografo e archivista, su Maria Teresa e le visite imperiali a Gorizia.

La mostra sarà visitabile fino al 28 maggio 2017 negli orari di apertura della Biblioteca.

La storia delle nostre terre è da secoli strettamente associata all’Austria e in particolar modo alla famiglia imperiale Asburgo e poi Asburgo – Lorena. Molte furono le visite imperiali che le cronache narrano a partire da quella di Carlo V del 1519, l’imperatore sul quale Impero non tramontava mai il sole, che visitò solamente la città di Trieste ma la storia ha immaginato la sua presenza anche a Gorizia e nella stessa città pernottò in una locanda di via Rastello, offrendo omaggi e titoli ai proprietari, ben tre storici narrarono la sua visita con dettagli di pura fantasia ma che sono rimasti presenti fino ai nostri giorni. Dal 1660 al 1900 ben sette imperatori furono presenti nel territorio: Leopoldo I, Carlo VI, padre di Maria Teresa, Giuseppe II per tre volte, Francesco primo nel 1816, nel 1825 e nel 1832, Ferdinando nel 1844 e Francesco Giuseppe primo venne ufficialmente nei nostri territori per ben cinque volte accolto in modo trionfale dalle popolazioni. Tutte le visite avevano delle liturgie laiche molto precise, derivanti dal ferreo cerimoniale spagnolo adottato alla corte imperiale fin dai tempi di Massimiliano I, e prevedevano incontri privati con la nobiltà, il clero e il popolo, nonché sfilate e l’illuminazione delle città per tutta la notte. Una grande assente fu l’Imperatrice Maria Teresa, la sua visita era già stata programmata nel dettaglio ma una improvvisa indisposizione non permise il giungere della Corte a Gorizia, e come racconta lo storico Carlo de Morelli “tutto si ammutolì in guisa, come se dal più chiaro giorno passati fossimo in un istante alla più buia notte”.

Articolo correlato: Con Maria Teresa d’Austria, da Aquileia a Gorizia

Questa voce è stata pubblicata in Eventi. Contrassegna il permalink.